Edizione Internazionale 2005

Arch. Rosanna Carovana

“Intervento di recupero funzionale e bioclimatico di un asilo nido"

Per l’impegno e la sensibilità nella progettazione bioclimatica e solare di un delicato edificio per una salubre  permanenza nei  primi anni dell’infanzia.

Descrizione del sito:

Il progetto riguarda una sostanziale modifica di un Asilo Nido esistente nella città di Roma. Durante la progettazione sono stati individuati i  principali difetti dell’edificio preesistente, costituiti principalmente da una eccessiva conflittualità tra ambiente interno e quello esterno..

Il progetto, viceversa,  realizza un edificio completamente rinnovato che sfrutta l’energia solare per far  sperimentare una migliore qualità di vita all’interno di esso.  Tra l’Asilo nido e l’ambiente si stabilisce un rapporto naturale, confortevole per i bambini e per il personale addetto, nel rispetto delle normative. Una diversa distribuzione funzionale crea una costante ventilazione naturale, senza produrre  effetti  negativi sulla salute degli utenti.

La proposta progettuale ha come obiettivo, quindi, di fornire strumenti di ausilio per un progetto  di architettura bioclimatica attraverso la valutazione dei fattori localizzativi e  ambientali, come il soleggiamento, la ventilazione, la temperatura e l’umidità.  Il tutto è stato articolato in  53 tavole grafiche e descrittive.

In sintesi, gli obiettivi prioritari d’intervento sono stati: 1) agire sui flussi di calore per conduzione e per convezione, 2) promuovere il guadagno solare; 3) ridurre i flussi di aria esterna; 4) ridurre le infiltrazioni; 5) promuovere il raffreddamento del terreno; 6) ridurre il guadagno solare; 7) promuovere la ventilazione; 8) promuovere il raffreddamento per evaporazione. Gli elementi  preesistenti dell’Asilo sono stati inglobati in una configurazione architettonica compatta,al fine di ridurre le superfici esposte e favorire il fenomeno della termocircolazione.La nuova disposizione data all’Asilo è tale da favorire, lungo assi portanti di essa, movimenti di masse d’aria, calde o fredde a seconda della stagione. La zonizzazione degli interni è stata  concepita attraverso l'uso di partizioni e chiusure in grado di isolare le aree riscaldate.

L'edificio si sviluppa su un unico piano con un'area  centrale molto ampia per il gioco, che riceve luce da uno spazio aperto sul tetto e dall'ampia apertura verso il giardino. Lo  spazio aperto  fa salire l'aria calda attraverso un cono, sovrastante il tetto, rendendo l’ambiente relativamente  fresco. I collettori solari collocati  in copertura, insieme ai lucernari, progettati con una inclinazione tale da favorire al massimo l’illuminazione naturale, vanno a comporre una figura compatta massimamente resistente agli agenti esterni. I moduli  fotovoltaici, collocati e orientati a seguito di uno studio  dell’ombreggiamento, sono stati appoggiati  su una superficie continua  nella regione più soleggiata del  solaio di copertura dell’edificio.  In tal  modo, vengono minimizzate  le dispersioni verso il basso e i moduli possono lavorare al meglio per effetto della retroventilazione Per concludere, l’Asilo nido, aperto verso sud  e chiuso a nord e con una grande massa di immagazzinamento dell’energia, diviene esso stesso collettore ottimale di energia solare.


Allegati al progetto:
estate

inverno

Ombre

Viste prospettiche

 
 
banner eurosolar

spazio banner
NEWS dal Web
Repubblica.it » ambiente

Nei punti marini più profondi della Terra, nello stomaco della maggior parte degli organismi che ci vivono, gli scienziati hanno rilevato fibre e materiale...


La Nasa ha pubblicato le foto del gigantesco iceberg A68, staccatosi dalla piattaforma Larsen C nel luglio 2017 . Lo ha ripreso il team dell'operazione Ice...


NEWS dal Web
Legambiente.it


EUROSOLAR BulgariaEUROSOLAR Česká republikaEUROSOLAR DanmarkEUROSOLAR EspanaEUROSOLAR FranceEUROSOLAR LuxembourgEUROSOLAR ÖsterreichEUROSOLAR TürkiyeEUROSOLAR UKaltre sezioni EUROSOLAR...

Display Pagerank      © Eurosolar Italia 2008 - 2012 | webmaster: EOF