Edizione Internazionale 2004

COMUNE DI PERUGIA - Minimetro spa , sindaco: Renato Locchi - Assessore alla Mobilità: Antonello Chianella

Modello di mobilità alternativa per i Centri Storici

Per l’innovazione tecnologica  nel campo del trasporto pubblico su ferro,  applicata, con la massima integrazione, in un tessuto urbano  dalle alte valenze storiche e ambientali

TECNOLOGIE INNOVATIVE PER UNA CITTA' AD ALTA VALENZA ARCHITETTONICA

Il comune di Perugia già all'avanguardia nei sistemi di molbilità alternativa con una serie di accessi meccanizzati, scale mobili, rampe mobili e parcheggi di scambio, sta  realizzando un Minimetrò con l'obiettivo di riunire in un unico centro metroplolitano l'acropoli a tutti gli altri quartieri a valle densamente popolati, centri direzionali e zone con impianti sportivi.

Un veloce servizio di collegamento su rotaie con 25 vetture da 50 posti, sistema di traino della Lietner di Vipiteno applicato al progetto che si concludera' nel 2006 con l'entrata in funzione del servizio. E' la prima linea che da Pian di Massiano portera' 3000 persone ora, in centro storico, con una velocità di circa 25 chilometri orari, che, secondo un’indagine, renderebbe il minimetro più veloce di un autobus o di un tram. La lunghezza complessiva della metropolitana “leggera” di Perugia è di 3 chilometri, di cui 1,5 in viadotto, 700 metri in galleria artificiale, 400 metri in galleria naturale con un dislivello complessivo di poco più di 160 metri.

la realizzazione di questo progetto favorirà lo sviluppo sostenibile del territorio, sia dal punto di vista della qualità della vita e dell'ambiente che dal punto di vista economico. La città di Perugia ha avviato, con la realizzazione del minimetrò, la conversione del sistema di mobilità in un modello sostenibile per ridurre l'uso dell'auto.

Poichè la quota gas  degli inquinanti è largamente attribuibile al traffico veicolare, l'adozione di un sistema di trasporto innovativo, quale quello proposto, consente una diminuzione prevista di 2-3 milioni di veicoli circolanti l'anno e una rumorosità al di sotto dei valori normali con conseguenti riduzione di emissionio nocive, acustiche ed atmosferiche. Grazie alle nuove tecnologie, il progetto propone un modello di salvaguardia e valorizzazione dell'ambiente naturale urbano, di miglioramento della qualità della vita e del sistema di relazioni e di riorganizzazione degli spazi e orari di una città a misura d'uomo capace di mantenere e valorizzare spazi privilegiati.


IL PROGETTO


Jean Nouvel progetta le stazioni, con strutture leggere e trasparenti, a partire da concezioni di spazio, funzionalità e inserimento nel contesto architettonico della città. Il verde esterno che circonda sempre le stazioni  dovrà penetrare all’interno ed essere arricchito da piante di diversa specie. L’idea è che questa struttura sia identificata fin dal primo sguardo come una realizzazione dedicata ad un sistema di trasporto collettivo.

 



Allegati al progetto:




 
 
banner eurosolar

spazio banner
NEWS dal Web
Repubblica.it » ambiente

Sviluppata dall'agenzia per l'ambiente, è interattiva e riporta i dati sulla qualità dell'aria in tempo reale. Ma l'Italia non c'è


La Nasa ha pubblicato le foto del gigantesco iceberg A68, staccatosi dalla piattaforma Larsen C nel luglio 2017 . Lo ha ripreso il team dell'operazione Ice...


NEWS dal Web
Legambiente.it


EUROSOLAR BulgariaEUROSOLAR Česká republikaEUROSOLAR DanmarkEUROSOLAR EspanaEUROSOLAR FranceEUROSOLAR LuxembourgEUROSOLAR ÖsterreichEUROSOLAR TürkiyeEUROSOLAR UKaltre sezioni EUROSOLAR...

Display Pagerank      © Eurosolar Italia 2008 - 2012 | webmaster: EOF