Rassegna stampa - Crisi Ambientale 22-09-2009

Onu, Usa e Cina alla prova del Clima

Il segretario Ban Ki Moon, che ha fortemente voluto il summit sul clima, scommette sulla Cina. È il debutto di un presidente cinese all'Assemblea Generale e le aspettative sul discorso di Hu Jintao sono alte. L'emissario Onu Yvo de Boer si è spinto più in là: "Pechino annuncerà una serie di misure che ne faranno un leader mondiale nella sfida al cambiamento climatico". Con annessa stoccata agli Usa: "È ironico che il discorso sarà fatto in un paese convinto che la Cina non stia facendo niente".

Proprio la melina tra Washington e Pechino su chi per primo debba mettere mano alle forbici sulle emissioni (i due giganti sono responsabili del 40 per cento mondiale) ha portato allo stallo che questo summit sarebbe chiamato a superare in vista della Conferenza di Copenaghen di dicembre che dovrà ratificare il dopo Kyoto. Il New York Times ha sintetizzato l'opinione prevalente parlando di sindrome dell "after you", "vada avanti prima lei": tutti guardano alle mosse del prossimo e nessuno si muove.

Gli europei puntano a ridurre del 20 per cento il livello delle emissioni entro il 2020. Obama è riuscito a fare passare alla Camera una legge che va in quella direzione, invertendo la rotta fin qui seguita dall'America, che non aveva mai riconosciuto il trattato di Kyoto, ma il provvedimento è atteso al varco difficile del Senato.
Click here to find out more!

Il summit si svolgerà attraverso quattro tavole rotonde incrociate, esperti e politici faranno la spola, atteso il premio Nobel e Oscar Al Gore. Dice il presidente della commissione Ue Jose Mauel Barroso: "Abbiamo 80 giorni di per sfrondare le foresta di parentesi quadre che limitano l'accordo: se non ne usciamo fuori questo rischia di essere il più lungo suicidio globale della storia".

Lo scenario è ipotizzato nell'allarmante copertina del New York Post che ieri ha dato il benvenuto ai vertice: "Siamo fregati". In un numero speciale il tabloid riporta le conclusioni di un panel commissionato dal sindaco Michael Bloomberg. Lo scenario è devastante. Le alte temperature porteranno la morte tra la popolazione più anziana (gli esperti ricordano i 15mila morti in Francia del 2003) e metterebbero a dura prova le vecchie infrastrutture cittadine, l'innalzamento del livello del mare allagherebbe la metropolitana (che già oggi è a rischio), le riserve di acqua potabile sarebbero a rischio e la rete elettrica collasserebbe.

 
 

100% rinnovabili ora! - Francesca Sartogo
 
 
banner eurosolar

spazio banner
NEWS dal Web
Repubblica.it » ambiente

Il risultato di una ricerca australiana: le acque piovane e reflue potenziali canali per la diffusione della resistenza


Il blocco di ghiaccio di 315 miliardi di tonnellate, grande oltre 1.600 km², si è staccato dall'Amery. La glaciologa rassicura: "Fenomeno normale, non dovuto ai cambiamenti climatici. E' lo stato dell'Antartide a preoccupare"


NEWS dal Web
Legambiente.it


EUROSOLAR BulgariaEUROSOLAR Česká republikaEUROSOLAR DanmarkEUROSOLAR EspanaEUROSOLAR FranceEUROSOLAR LuxembourgEUROSOLAR ÖsterreichEUROSOLAR TürkiyeEUROSOLAR UKaltre sezioni EUROSOLAR...

Display Pagerank      © Eurosolar Italia 2008 - 2012 | webmaster: EOF